arredare lowcost · Decor - Decorazioni · Home Interior Design · Hospitality Interior Design · Ristoranti e locali

Quando un quadro non basta più …

Ricordate le case delle vostre nonne? Oppure l’hotel  con il famoso quadretto senza senso nella camera(vedi foto per intenderci) ? Ecco quest’articolo ha la presunzione di illuminare tutti quelli che si trovano davanti a una parete e  non sanno cosa fare pur di “arricchire” l’ambiente.  Il continuo evolversi del gusto stilistico nel design così come la moda ha fatto si che ci sia sempre più attenzione a nuove decorazioni pittoriche : l’utilizzo di stickers o l’impiego di cornici e quadri  con una finalità ben precisa; lo spazio deve trovare un SENSO ESPRESSIVO e COMUNICATIVO che dia valore aggiunto. Talvolta la necessità di eliminare l’impiego di soluzioni decorative a parete è necessaria per dare maggiore luminosità alla stanza oppure per  riequilibrare la presenza di un arredo dal forte contenuto dimensionale e cromatico.

Guardate il vostro ambiente e date un valore numerico a ciascun oggetto che lo riempie , in questo modo potrete rendervi conto del peso che ogni elemento ha e stabilire il valore che manca per raggiungere l’EQUILIBRIO di cui tanto vi parlo. Sembrerò banale ma è il modo più semplice per identificare la migliore soluzione in modo del tutto autonomo; come ulteriore suggerimento vi riporto alcune esempi :

  • il primo che ho scelto è un ristorante nel centro di Valencia , il locale è molto minimale con una forte attenzione alla componente illuminotecnica non avendo luce naturale nelle piccole salette. La parete  di fondo, al lato destro dell’ingresso, è stata valorizzata con l’inserimento di 7 file di cornici per tutta la dimensione della parete. Ogni quadro ha le medesime dimensioni e la stessa finitura, anche il tema scelto è lo stesso , sono scorci marini  della città in differenti momenti della giornata. Il risultato visivo con l’aiuto di una buona illuminazione è senza dubbio interessante , nonostante i grossi quantitativi c’è un forte equilibrio e la visione d’insieme è completa così come quella nel dettaglio.
  • l’altro caso è nella hall dell’Hotel NOLOGO di Genova, di cui vi parlerò anche in seguito, il tema della struttura è la musica e quando mi sono trovata a completare l’allestimento di questo piano non volevo impiegare degli stickers così come già fatto nelle camere ma cercare qualcosa di diverso,  che comunicasse la musica in senso generale. Così girando per i mercatini di Portaportese di Roma e con la collaborazione di una una amica ho acquistato le riviste Rolling Stones degli ultimi anni , selezionando le icone degli anni ’90 e non solo. Il risultato lo lascio ai vostri occhi e per chi passasse in zona Brignole potrà vedere le copertine originali decorare tutto il piano primo con un ritmo che cadenza le numerose finestre.
  • ultimo è la dimostrazione di come grandi pareti delle vostre case possono essere disegnate e modulatw per funzionalità con il semplice impiego di una pittura decorativa e con un gioco di vuoti e pieni. Questa parete di 10 metri all’interno di una grande zona giorno è stata ripensata non solo in termini cromatici ma anche spaziali e illuminotecnici con la realizzazione di una veletta con led a incasso,  che definissero maggiormente i passaggi decorativi. Oltre alla pittura è stato realizzato uno stickers con le dimensioni e i colori personalizzati.

Per qualsiasi dubbio o indicazione non esitate a contattarmi !

quadri decorazione a parete qudretti decorativi cornici interior design arredamentocopertine riviste quadri per decoraredecorazione hall genova hotelnologo rivista come quadro decorativo colori pittorici soluzioni decorative

cose da evitare soluzioni decorative hotel
quadri senza senso hotel rimini

 

2 thoughts on “Quando un quadro non basta più …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *